MAUGANRA
Mirko Cavalloni

Featured Image

Sono nato a Voghera, in provincia di Pavia, il 16 febbraio 1984. Da sempre vivo a Torre de’ Negri, un paesino vicino a Belgioioso conosciuto per il castello, un tempo residenza estiva e riserva di caccia dei Visconti. Ho frequentato il liceo scientifico tecnologico e successivamente la facoltà di matematica. Nel 2009 ho abbandonato l’università per convertire la mia passione di pittura in un vero e proprio lavoro. Mi sono avvicinato al mondo del fantasy all’età di 15anni, prima con la lettura del “Signore degli anelli” e qualche anno più tardi sono passato dal mondo di D&D all’acquisto delle prime miniature di Warhammer. Quando ho iniziato a dipingere avevo molti dubbi e insicurezze. Ma anche grazie ad una convalescenza forzata dopo una difficile operazione la passione è diventata sempre più forte e travolgente e da autodidatta ho iniziato a migliorare le mie abilità. Nel 2008 l’incontro sul Web con la Legiopictorum costituisce un’importante svolta. Da qui ho iniziato ad iscriversi ai primi concorsi e a confrontarmi di persona con i pittori più esperti. Fabrizio Russo è uno dei tanti amici del forum con cui il confronto è stato sin dall’inizio davvero stimolante e le critiche sono tutt’ora fonte di ispirazione e crescita. Gli incontri con pittori di tutto il mondo mi hanno permesso di carpire le tecniche più disparate e crearne una mia del tutto personalizzata. Infatti dipingo con colori acrilici, ad olio e aerografo, ne sfrutto le caratteristiche per dare vita a un piccolo mondo. I miei pezzi presentano sempre delle ambientazioni particolareggiate e create nei dettagli per raccontare una storia.

Tra le collaborazioni più significative compaiono senza dubbio quella con lo scultore Alessandro Bruni da cui nasce il celebre Arbeit Mach Frei, quella con PhlegyasART e quella con la neonata Aradia Miniatures, e il disegnatore Stefano Moroni. Il mio sogno è quello di diventare abile nella scultura tanto da poter realizzare un pezzo unico e originale, figlio di una delle numerose idee che affollano i mie pensieri. Costante nel mio lavoro è la voglia di creare qualcosa che susciti nello spettatore, in maniera intuitiva, un’emozione e una riflessione profonda.