Pietro Balloni
Guerriero Svevo

Gli antichi Suebi occupavano una vasta area della Germania occidentale dividendosi in molte tribù dai nomi diversi come i Semnones o Semnoni, che si definivano i più antichi e nobili tra gli Svevi e praticavano sacrifici umani nei boschi sacri ai loro dei. Caratteristica di queste genti era l'uso di legare i capelli in una coda, annodata a lato della testa con il tipico nodo detto appunto suebico. Questa particolare acconciatura distingueva gli Svevi dagli altri popoli germanici ed era riservata solo agli uomini liberi. Pare infatti che i guerrieri si acconciassero i capelli per aumentare la loro già imponente statura e apparire più minacciosi e terribili ai nemici. I popoli germanici erano ammirati dai romani per la loro frugalità, la monogamia e il valore bellico. Prima di combattere usavano impressionare il nemico con il loro canto preparatorio alla battaglia: il barditus, emesso alzando gli scudi davanti alla bocca per far rimbombare più cupe le voci. Da un punto di vista sociale i Germani erano organizzati in clan familiari, sottomessi a un capo liberamente eletto dall'assemblea degli uomini liberi. Il capo era sempre circondato in pace e in guerra dai suoi fedeli guerrieri che, in battaglia, combattevano nella tipica formazione a cuneo.

Details

  • Modello alto 75mm.
  • Dipinto ad olio ed acrilici
  • Produttore Pegaso Models